Benvenuti nel sito Ceccarelli.it

 
    
Rigore e creatività nella strategia aziendale. Impegno e passione nel trasformarla in successo tangibile. Dal 1981
 
javascript
 

n. 274

La personalizzazione di massa apre nuovi modelli di business


Ormai è deciso. Gli appassionati di Lego potranno realizzare in autonomia mattoncini e pupazzetti. La stampa 3-D è passata dalla realizzazione di semplici prototipi di plastica a gestire titanio, a produrre componenti perfettamente funzionanti, meccanismi complessi, parti specializzate di automobili e iPhones.



Da nicchia a reale alternativa della produzione convenzionale. Mentre nuovi modelli di business stanno prendendo forma.







Nuovi modi di concepire la R&S, anche attraverso la collaborazione in remoto, possono mettere rapidamente i prototipi a disposizione dei clienti e testare le loro preferenze riducendo il rischio di lancio dei nuovi prodotti. Inoltre, iniziare a vendere prima, senza attendere l’industrializzazione completa ma con parti realizzate in 3-D.



Anche la produzione può beneficiare della nuova tecnologia. Specie i componenti con alto costo del lavoro, bassi volumi, utensili complessi, obsolescenza, alti tassi di scarto. Avvicinando la produzione ai clienti finali o producendo parti complesse nei paesi con costi più bassi di energia e lavoro.

Già si producono protesi d’anca su misura e apparecchi ortodontici. Aziende automobilistiche tedesche puntano sul 3-D per fabbricare tutti i modelli nella stessa linea di produzione. Boeing realizza circa 200 articoli per dieci diversi tipi di aerei.



Nuove utilità perché design e tecnologia sono intrinsecamente legati ai metodi di fabbricazione e il 3-D apre nuove frontiere. Personalizzazione di massa e nuove possibilità di design possono rivoluzionare l’aftermarket producendo pezzi di ricambio su richiesta. E anche il dettaglio permettendo di fabbricare in loco e su misura giocattoli o materiali da costruzione.



Attenzione! Il 3-D riduce i costi di accesso al mercato per i nuovi operatori. Produrre direttamente i prodotti finali semplifica il lavoro di un creativo che potrebbe governare il processo completo: dallo schermo del computer alla commercializzazione. Pensi ai numerosi Steve Jobs e Giorgio Armani con uno strumento così potente a disposizione!



Ridurre i tempi di sviluppo, eliminare i costi di attrezzaggio, semplificare i cicli di produzione, eliminare gli scarti, creare forme e strutture complesse oggi non realizzabili. Sono solo gli elementi più evidenti di una rivoluzione che potrebbe toccare nell’intimo il modo di fare impresa.

Allora nuovi modelli di business e nuove opportunità per molti. Insieme a nuove minacce.


 


09/06/2014 14:15:41

Tiriamo le fila della discussione... Tutti i partecipanti al dibattito hanno convenuto che la tecnologia 3D apre la strada alla personalizzazione di massa, con un impatto dirompente su numerosi modelli di business tradizionali. Produrre in modo industriale beni personalizzati, secondo i gusti di ciascun singolo consumatore, è già stato affrontato da alcune aziende (scarpe, scarponi, abbigliamento, moto, auto, ecc.). Ma con il 3D i paradigmi manageriali (time-based competition, produzione al punto di consegna, customer self-design, modularizzazione, azzeramento delle scorte, produzione snella, catena del valore elettronica, micromarketing) sono i nuovi ingredienti di una combinazione esplosiva capace di stravolgere interi settori. In particolare, chi ha fatto del costo della transazione la propria ragione di esistere (distributori, grossisti, ecc…) vede nella nuova tecnologia una spinta alla disintermediazione. Azienda e consumatore finale possono entrare in un contatto diretto, anche se decentrato. Inoltre si può risolvere l'eterno contrasto tra la massima soddisfazione e i minimi costi, tra "su misura" e standard. Potrebbe diventare il nuovo modello mentale, per tutti gli imprenditori e i dirigenti, di come perseguire il successo. Attenzione: i tempi non sono così lontani.
 

 

Il club
dei decisori
dove i leader
d'impresa
condividono
idee e sfide

 


© 2016 Ceccarelli SpA  - L@B - Intranet - Tutor